Analisi Transazionale

CHE COSA E’ L’ANALISI TRANSAZIONALE ?

L’Analisi Transazionale (AT) è una teoria della personalità, del suo funzionamento intrapsichico e dei suoi comportamenti interpersonali. E’ una filosofia e una psicoterapia sistematica ai fini della crescita e del cambiamento della persona.

L’Analisi Transazionale sposa una filosofia umanistica e ha come presupposto fondamentale che tutti “sono OK”: questo implica che ognuno di noi ha un nucleo di fondo che è degno di essere amato e le potenzialità e risorse utili al cambiamento.

Questo conduce al fondamento dell’Analisi Transazionale e del suo operato come psicoterapia: “Io sono OK e Tu sei OK”.

Di fatto nell’azione terapeutica sia il paziente che il terapeuta sono chiamati in gioco nell’azione di cura , ciascuno con le proprie risorse e competenze. Per favorire la cooperazione e la relazione l’Analisi Transazionale sottolinea l’uso di “contratti” stipulati in sede di terapia dove vengono stabiliti, in modo concorde, gli obiettivi da raggiungere. Il contratto diviene la “direzione” di tutta la terapia e un modo concreto per monitorare il processo di cambiamento della persona.

Ogni cambiamento e ogni situazione richiedono tempi specifici. Va tenuto presente che il cambiamento avviene per gradi, pertanto il primo passo è quello fondamentale per raggiungere gli obiettivi che ci si prefigge.

Il primo passo può essere proprio quello di chiedere aiuto.

Chiederlo non significa necessariamente avere un “problema grave”, ma confrontarsi innanzitutto con chi si occupa di migliorare la qualità della vita e promuovere il benessere. Richiedere consulenza ad un professionista può essere un modo per migliorare anche una situazione di per sé non grave.

 

APPROCCIO TERAPEUTICO

Nel mio approccio terapeutico faccio riferimento prevalentemente all’Analisi Transazionale di Eric Berne, tenendo presente un modello umanistico-personalistico con approccio integrato che si focalizza principalmente sui seguenti orientamenti:

  • esperienziale
  • comportamentale
  • cognitivo, interpersonale

 

I commenti sono chiusi