Come lavoro

Quando nel 2013 ho aperto ufficialmente lo studio professionale, mi sono chiesta quale ambiente volessi creare e che cosa dovesse rispecchiare. Ed è così che l’ambiente rispecchia ciò che credo sia importante nel processo terapeutico:

  • La parità delle proprie competenze: io sono OK tu sei OK
  • L’importanza del rispetto del Setting: tempi e modi della terapia su cui ci accordiamo prima di cominciare il percorso assieme verso il cambiamento; rispettarli significa rispettare noi stessi e l’altro (vedi approfondimenti di seguito)
  • La terapia centrata sul contratto: dichiarare gli obiettivi da raggiungere nel percorso assieme in modo che siano concreti e concordati (leggi l’approfondimento)
  • Il concetto di cambiamento: Eric Berne (psicologo canadese padre dell’Analisi Transazionale) ha suggerito che l’ideale è l’autonomia. Egli non ha  mai presentato una definizione di questo termine, ma ha scritto che “l’autonomia si conquista quando si liberano o si recuperano tre capacità: consapevolezza, spontaneità e intimità” (leggi l’approfondimento)

Per me risulta fondamentale nel processo di cura e di benessere personale, la consapevolezza che il raggiungimento dell’obiettivo personale si consegue nel lavoro a due, nella relazione, dove ciascuna delle parti contribuisce al 50 per cento al successo terapeutico.

E’ la relazione che si stabilisce tra me e te che contiene tutti questi elementi e perché sia tale, una relazione, dobbiamo esserci io e te: per questo motivo puoi contattarmi e possiamo decidere assieme di vederci per una prima conoscenza senza impegno nel mio studio, in cui capire se vogliamo cominciare il percorso verso il cambiamento.

Nella Psicoterapia Corporea (Analisi Funzionale), l’intervento terapeutico integra specifiche tecniche verbali e corporee. In particolare la tecnica denominata Point e Positions, attraverso una pressione delicata su alcuni punti definiti e specifici del corpo, ripristina il movimento naturale della pulsazione, favorisce un più profondo contatto con se stessi e induce una graduale riorganizzazione di pensieri, emozioni e comportamenti.

E’ una tecnica di massaggio dolce che non si limita a produrre un temporaneo rilassamento muscolare ma, intervenendo su tessuti profondi, fasce e legamenti, induce un piacevole stato di raccoglimento e concentrazione che consente all’organismo di superare condizioni di stress momentaneo dovuti a problemi emotivi, di relazione, di autostima, di mancanza di energia.

LA BUONA REGOLA: IL SETTING TERAPEUTICO

Se si accorda con il paziente un percorso di terapia la persona è tenuta a:

  • Assumersi la responsabilità dell’impegno di mantenere la costanza degli incontri: una volta alla settimana o su accordo, una volta ogni quindici giorni
  • Di solito, fissato un giorno specifico, si mantiene lo stesso giorno per l’intero percorso
  • La seduta ha la durata di 45 minuti
  • L’onorario è in base al tariffario dell’Ordine degli psicologi della Regione ed è quantificato in base al lavoro richiesto (psicoterapia individuale, di coppia, consulenza, colloqui clinici, stesura di relazioni, tabulazione di test…)
  • Occorre disdire l’appuntamento della seduta almeno 48 ore prima del giorno prefissato, se ciò non avviene, la seduta si considera avvenuta e quindi dovrà essere pagata ugualmente
  • Eventuali ritardi vengono scalati dal tempo della terapia
  • La terapia  può essere interrotta dal paziente in qualsiasi momento, previa un ultima seduta concordata con il terapeuta per fare un bilancio del percorso effettuato
  • Per le sedute di Psicoterapia Corporea è necessario compilare e consegnare precedentemente alla seduta un apposito MODULO DI CONSENSO

I commenti sono chiusi